sabato 26 aprile 2014

LO STEREOTIPO DEL "GAY PROMISCUO"

Lo stereotipo del gay promiscuo, che si alza al mattino col pensiero di chi portarsi a letto la sera. Ha tutta la giornata davanti: si sveglia e la prima cosa che fa è leggere i messaggi che ha ricevuto su Gaydar, Gayromeo, Grindr, Bender, Facebook... decine di notifiche da selezionare. Molte da scartare ma alcune da tenere in caldo, per avere una riserva, una seconda possibilità. Messaggino di buongiorno al fidanzato, che riceverà due ore dopo quando riaccenderà il cellulare (perchè si tiene spento quando sei a letto col tuo ex) e studio dell'outfit (sei un visual di H&M mica pizza e fichi!).

Giornata di lavoro stressantissima. L'attività principale è lo spettegolo col collegaovviamentegay su chiunque entri nello store. Può essere una malcapitata cliente in sovrappeso (sovrappeso è tutto ciò che non è anoressico) che in 10 secondi viene annichilita. "Ma che si è mangiata, la Clerici tutta intera? Amica... qui non facciamo mica miracoli! Qualcuno chiami l'acquario che la balena ce l'hanno consegnata qua, che vengano a prendersela. A certe persone dovrebbe essere impedito pure di uscire di casa". L'altra attività è riuscire ad ottenere il contatto di qualunque manzo o torello o orso..... vabbè ci siamo capiti... che entri nel negozio. H&M è un cruising prima di essere un negozio.

Se entra la famigliola immediatamente vengono presi di mira i mostriciattoli, quegli esseri immondi che urlano e fanno capiricci, toccano la merce con quelle loro manacce luride di cioccolata. "Che schifo! dei piccoli obesi insopportabili... per fortuna che non avrò mai dei figli!". Due secondi nel back office per dare un'occhiata a qualche profilo sexy e possibile incontro e per prendere la borsa. Si torna a casa e non bisogna perdere l'occasione di qualche ammiccamento in metro. Alla fine, il carabiniere delle 20.30 dovrà cedere... non ci sono dubbi... è finocchio sputato!".

"Ragazze non rompetemi le palle che sono stressatissimo, oggi ho avuto una giornata di lavoro allucinante e quindi seratona di sfogo e sesso sfrenato". C'è tutto in questa frase e i coinquilini tutti maschi sono avvisati: sequestro del bagno per almeno 2 ore, lo stretto necessario per l'outfit notturno e "stasera chiudete le porte delle vostre stanze perchè  non credo di tornare da solo", il che significa con almeno una persona.

Si è fatta mezzanotte e la frociarola strilla al citofono "Sei pronta puttanella?". La frociarola è l'amica etero del gay medio. Può essere la tardona (sopra i 30 anni) che, come una cagnolina, segue tutti i consigli dell'amichetto gay. I consigli non si limitano a questioni fashion che "i gay la moda l'hanno inventata", ma riguardano, più in generale, il corretto comportamento che ogni donna vera dovrebbe avere. Il gay ti da consigli su come essere creativa a letto col tuo uomo, ti spiega che hai troppi tabù sessuali, che dovresti essere meno suorina, che dovresti aprirti a nuove esperienze più "inclusive". Ti spiega anche che dovresti essere meno possessiva e lasciare il tuo uomo libero di fare le sue esperienze, e tu le tue. E' per questo che esci col tuo amico gay e lasci "a casa" tuo marito, perchè se non c'è la fiducia nel rapporto.... perchè sei troppo avanti! E "i gay sono delle persone meravigliose!".

Poi citofona il fidanzato del gay che viene a salutarlo. Va a letto presto che domani ha una giornataccia, è tranquillo perchè tanto il gay esce con l'amica frociarola... e si sa... si va in disco per divertirsi... mica per altro! "Amore se trovi qualcuno fammi uno squillo che arrivo in due secondi". "Si certo, se trovo qualcuno ti chiamo subito... contaci... come no!". Il fidanzato, ovviamente, non torna a casa, va in sauna.


Ora sono diventate due le serate da seguire ma mi fermo qui perchè non mancherà l'occasione di descrivere cosa intendono i gay per "divertimento". Volevo solo smontare lo stereotipo del gay promiscuo, perchè è solo "un odioso pregiudizio... conosco coppie gay stabili, che stanno insieme da settimane e sono fedelissime ... e.... bla... bla... bla..." si si come no! I gay sono falsi... ma questo è uno stereotipo che smonteremo un'altra volta.

MH


Nessun commento:

Si è verificato un errore nel gadget